PokiCopi 2.0

Io, il web, il marketing, io, la comunicazione, io...

Google
 
Web www.pokicopi.com

28 aprile 2006

AAA

/* update
Ho finalmente trovato alloggio a Milano; ringrazio moltissimo tutti quelli che mi hanno contattato, a buon rendere!
*/

A fine maggio mi trasferisco per lavoro a Milano; sono alla ricerca di una stanza in appartamento in condivisione.
L'ID del mio annuncio su www.easystanza.it è L06042011462471.

Ringrazio chiunque volesse darmi una mano, visti anche i tempi un po' stretti.

Thks a lot!

26 aprile 2006

SES it 06 in diretta

Grazie a motoricerca.net anche chi, come me, non può prendere parte al SES it a Milano, può seguirne gli aggiornamenti in diretta, + qualche chicca davvero succulenta...Grazie 1000!

Tags:

21 aprile 2006

Avete capito tutto...

Nonostante il processo di digitalizzazione di molti beni considerati tradizionalmente fisici (musica, home-video, libri), non sia iniziato l'altro ieri, come anche il tenutario di [mini]marketing, sono veramente perplesso nel constatare che le grandi multinazionali sembrano voler operare su internet pur non avendone minimamente il polso. E' il caso dello storico accordo fra le multunazionali del cinema per rendere disponibili su internet i film recentemente usciti al cinema.

1) la qualità del filmato compresso e in streaming non sarà quella del DVD(lo dico perché la maggioranza della stampa tipicamente disinforma parlando di "DVD scaricabili da internet")

2) essendo in streaming il film potrà essere visto solo per la durata del "noleggio" (quindi magari un paio di giorni).

3) Questo implica naturalmente niente masterizzazione e niente film sul dvd domestico, possibile vederli solo sul PC.

4) questo scherzo potrebbe costare dai 16 ai 24 euro, per i film recenti, di meno per i film più vecchi.

Questa è la soluzione che le grandi major hollywoodiane hanno escogitato per combattere la pirateria...certo.

Tags:

19 aprile 2006

the more you search, the more you shop

L'indagine 2006 condotta da SEMS e Nextplora conferma la crescita del numero degli italiani che si affidano a un motore di ricerca per reperire informazioni prima di un acquisto, indipendentemente dal fatto che l'acquisto si perfezioni online o presso un punto vendita tradizionale e indipendentemente dal valore economico dell'oggetto.

"In Google, Virgilio, Yahoo!, MSN e negli altri siti con funzioni di ricerca, gli italiani vedono infatti un utile strumento per accedere ad informazioni aggiornate ed approfondite sui prodotti di interesse, oltre a poterne verificare e confrontare i prezzi, ed eventualmente leggere commenti e recensioni.
Tutte informazioni che possono influenzare in maniera significativa decisioni e acquisti.
"

Nel 2006 (sempre secondo l'indagine SEMS/Nextplora) il 61% degli italiani si serve "spesso" di un motore di ricerca per reperire informazioni prima di un'acquisto, cioè 7 punti in più rispetto ai risultati dell'anno precedente.

Se leggiamo questi dati, e quelli che ci provengono da oltre manica sull'incremento del valore del search advertising nell'ultimo anno (+78% in UK), lo scenario che si profila è molto interessante.

Personalmente ritengo che anche il fatto che una trasmissione "divulgativa" come Neapolis si preoccupi di dare risalto a questi dati e di parlare di advertising online (puntata del 14 aprile) sia la spia del fatto che la pubblicità online può essere oggi compresa nei suoi meccanismi più evidenti anche dai "non addetti", un po' come quella televisiva o della carta stampata, con, a mio avviso, le seguenti ricadute:

1) una sempre maggior affermazione del SEM sulle tradizionali forme di online advertising
e perché no
2) minore difficoltà nel proporre avanzate soluzioni di marketing online anche al prospect più refrattario
....ma in fondo queste sono ca***te in confronto alla
3) minore difficoltà generale nello spiegare ai famosi "non addetti" che lavoro faccio ,)

16 aprile 2006

Buona Pasqua

http://i34.photobucket.com/albums/d105/sublimeboy448/chicken-rabbit-sex.jpg ...e mentre attendiamo che questo vergognoso tira e molla post-elettorale si concluda, cerchiamo di trascorrere un Pasqua al riparo dalle schermaglie politiche, nonostante la netta sensazione che stiamo per subire il trattamento riservato alla gallina qui di fianco...

Buona Pasqua a tutti.

15 aprile 2006

Scusi, ma lei come la pensa?

Certo, si crea confusione in questo tragico sistema bipolare, multipartitico, e la legge elettorale con il premio di maggioranza, lo scorporo al senato e gli italiani all'estero. Fatto sta che (per usare il tic verbale del momento) abbiampo un "paese spaccato a metà".

Io stesso, che mi sono sempre ritenuto un tipo abbastanza deciso, lamento una certa confusione, non tanto sulle idee di base, ma sui programmi, e ciò nonostante abbia passato la campagna elettorale a comprare riviste, guardare dibattiti vergognosi e via dicendo.

Ecco, questo è un giochino davvero carino, e se anche non è in grado di dipanare i dubbi, almeno fa scoprire cose (almeno nel mio caso) , che non sospettavo, per quanto mi sia sempre ritenuto un liberal-socialista-illuminato-e una spruzzata di antiproibizionismo...

10 aprile 2006

Google Bombing: il caso che non c'è

E mentre tutta l'Italia sta attaccata a televisione e internet aspettando la fine di questo testa a testa elettorale...c'è davvero chi vigila...ma, cui prodest?

motoricerca


macchianera


tags:

04 aprile 2006

Me la metti quella della pubblicità dei Levi's?

Oggi su MyMarketing.net leggo questo articolo riguardo alle positive ricadute in termini di branding per i marchi che utilizzano hit discografiche nei promo (es: "Are you happy now" di Michelle Branch negli spot TIM) e come grandi marchi e prodotti possano trasformare brani semisconosciuti in canzoni di successo (la mitica "oh, boy" dei Transcargo per Renault Clio).
Altro aspetto interessante che viene messo in luce è il seguente:

"Sebbene probabilmente più rischiosa, la scelta di utilizzare un brano non (ancora) famoso per un proprio spot pubblicitario può portare a vantaggi rilevanti in termini di branding: l’associazione hit-spot diventa esclusiva, il brano "è conosciuto grazie a.." e conseguentemente si può determinare un’eco radiofonica del passaggio pubblicitario."

Questa cosa è davvero "tricky"; ma visto che ci siamo perché non parliamo anche della targetizzazione della musica?
Arrivo così alla domanda che mi sono posto: perché devo introiettare come tamarro il segmento automobilistico a cui appartengo, ("e ho provato dentro un'emoSSione...", gasoline e via discorrendo), laddove nelle alte sfere mi forniscono gli spot con Keith Jarret (BMW Serie C5 Berlina, spot del 2003)
? Ah, e le cover delle cover di "what a wonderful world" di Sachmo mi hanno un po' sfrantegato...

Bravi tutti





1) Il confronto finale di ieri è stato seguito alle 21.15 da 12 milioni di telespettatori. Nessuno dei quali non udente, è chiaro. Questi ultimi infatti hanno dovuto aspettare la mezzanotte per seguire su rainews24 il confronto tradotto in lingua dei segni. Sono l'unico a trovare la cosa quantomeno riprovevole? Alla faccia della legge Stanca.

2) Con questo, siamo veramente all'acqua...


03 aprile 2006

SEO WebRanking


Sto provando un nuovo tool per SEO, SEO WebRanking, uno strumento *gratuito* che consente di conoscere il posizionamento su motori di ricerca internazionali di un sito rispetto a differenti parole chiave.

A una prima analisi mi parrebbe piuttosto buono (il software interroga i motori e offre un report di posizionamento), con il pregio ulteriore di poter produrre dei grafici per visualizzare l'andamento dei posizionamenti nel tempo.

Due difetti che saltano all'occhio: il numero limitato di motori contemplati (google, yahoo e msn in tutte le versioni, più qualche motore "locale" come voila.fr) e un sistema un po' rigido che consente di interrogare i motori di un paese per volta (ergo, se voglio conoscere il posizionamento di nomesito.com sui motori USA e UK dovrò fare due interrogazioni differenti). Difetti questi su cui si può soprassedere vista la gratuità del software.

Tks, motoricerca.

Tags: |
 
Statistiche web e counter web